Galleria

through the looking glass

Yes, because it felt like wonderland to me and i’m sharing some of the best pictures I took. I don”t want to reveal everything about this museum because I think you should be really curious to visit it. So here is just a taste of this magic place.

the cloisters portal to the past 94 95 97 102 106 109

Annunci

An oasis in the Jungle

This is the very first article of this blog so welcome.

Today I would like to talk about a city I’ve known for a few years, New York, and its neighboring city, Boston, which I visited this year. This is the first of a series of articles on my Bostonian adventure. Others will follow with more historical content and with many more photos. I would like to give a slice of American life, as a visitor understands it, in my own words, and introduce you into a reality that for most of us is totally unknown.

What they say about New York it’s true, it is the city that never sleeps and never stops. Everything you need is at your disposal 24 hours a day because NY is the city of opportunities, and whomever lives there must never miss a thing.

Perhaps at one time this was true, however it seems to me that in reality now it’s different.

The Big Apple, after having worked there for a few weeks, appeared to me less and less shiny and increasingly grey.

Apart from Central Park, New York’s green haven, every space has been devoured by concrete, both upwards and downwards. After having tried the joys of the New York’s subway during rush hour, I will not complain anymore about public transport in my city, Milan.

New York has an undeniable appeal as a world metropolis, as a blender of different cultures in which a Cuban and a Filipino discuss foreign markets or you can find a Bengali escaping from war as your taxi driver or a crazy Irishman that will drop you anywhere so he can go watch the game.

New York is one of the few places I’ve been where you feel that the city has become an entity so energized, that you can feel her heart beat in a train passing under your feet and in the smell of a hot dog at the corner down the road.

This year, however, I managed to find an oasis in the jungle (because here you cannot talk about the desert). This oasis is located in the northern part of Manhattan, and you must go through Harlem to find such an unexpected treasure.

At the 190th Street stop, on the red line, I exited and saw a park. I started walking into it and finally, after entering countless little pathways and stairs, it revealed its secret: The New York Cloisters. This is an overwhelming complex in which one discovers a treasure, several medieval European works of art in a surprising context.

Alongside jewelry, crucifixes, statues and beautifully engraved bibles there are entire

Cloisters uprooted from ‘Occitan and Catalonia and reassembled for the enjoyment of American visitors.

The first impact was very reassuring for a lover of medieval history like me, I felt at home in a sense. Then I discovered that such an ambitious project was carried out by ‘one great mind’ (with a large financial empire). 

I activated my spirit as an historian and came upon a story that many of the young people from the old country don’t know, which features a man named John D. Rockefeller Jr.

He was the son of the great oil tycoon, main frontrunner of the industrial breakthrough in the US, who purchased a whole area of ​​Manhattan and turned it into a park. In 1935 he donated to the city of New York along with its surrounding land. Mr. Rockefeller also donated part of his personal collection that he had purchased from a great American collector of medieval works.

The complex, built between 1934 and 1939 incorporates 5 cloisters, dismantled stone by stone in Europe then transported across the ocean. It was all rebuilt inside of a unique building designed by Charles Collens and, as if all this were not enough, Rockefeller even bought the land on the other side of the Hudson River to preserve the view from the complex.

The end result is a unique experience of peace and harmony among the cloisters and gardens, in the heart of a giant concrete city like New York, so I cannot help but recommend it.

As I said at the beginning of the article, the rest of the city had a strange effect on me this year. The first impression one has of the city is always overwhelming with its crowded streets, taxis, underground and its citizens, always busy. This time around the city seemed different, not as glamorous and a bit challenging. This may be because I stopped watching the buildings gleam and I began to see all that is hidden in their shadow. I began to understand the price that people pay to live in this city which never stops and her countless attempts, successful and unsuccessful, to make everything a bit less hectic and a little more livable almost like in the Village.

It is precisely on this point that the nearby Boston, a city completely different in structure, habitability and especially its people, comes into the picture. The main means of transportation to the center of the city is no longer the metro or a taxi, but your legs. In fact, Boston has a beautiful old part of town that has everything within a short distance. However when you walk, you find your surrounding full of historic buildings that retrace the footsteps of the American Revolution. One could get carried away by a spirit that in some places feels almost like that of a neighborhood of a small town. This is what I really liked about Boston, the fact that it’s not as overwhelming as New York. You do not have that feeling of having to win it over in order to have the right to call yourself a New Yorker. In Boston you do not go crazy trying to understand how the underground works. If you need help the people are friendly and assist you with a smile and above all, one feels that he can find his place in such a small (huge) city.

Un’ oasi nella Giungla

Questo è il primo vero articolo di questo blog quindi benvenuti.

Oggi vi voglio parlare di una città che conosco da alcuni anni e della sua vicina che ho coperto solo quest’ anno: New York e Boston.

Questo è il primo di una sere di articoli sulla mia avventura bostoniana e altri seguiranno (con più contenuti storici e con molte più foto). Con queste parole vorrei dare uno spaccato di vita americana, per quanto un visitatore possa capirne, e farvi immergere in una realtà per noi pressoché aliena.

Quello che dicono di New York è vero, è la città che non dorme e che non si ferma mai: tutto quello che ti serve sempre a tua disposizione H24 perchè NY è la città delle opportunità e al pioniere non deve mai mancare niente.

Forse un tempo; a me la realtà è sembrata diversa.

La grande mela, dopo averci anche lavorato per alcune settimane, mi è apparsa sempre meno rossa, e sempre più grigia.

A parte il suo polmone verde, tutto è stato divorato da piani su piani di cemento sia verso l’alto che verso il basso ( dopo aver provato le gioie della metropolitana newyorkese all’ ora di punta non mi lamenterò più dei trasporti della mia cara Milano).

Ha un fascino innegabile come metropoli mondiale, come frullatore di culture in cui un cubano e un filippino discutono di mercati esteri e in cui puoi trovare alla guida del tuo taxi un bengalese che scappa dalla guerra o un irlandese pazzo che ti deve scaricare per andare a vedere la partita.

New York è uno dei pochi posti dove sono stato dove puoi sentire che la città è diventata un essere talmente grande e affamato che puoi sentire battere il suo cuore in un treno che ti passa sotto i piedi e nel profumo di un hot dog all’ angolo della strada.

Quest’ anno però io sono riuscito a trovare un’ oasi nella giungla (perché qui non si può certo parlare di deserto) e quest’ oasi si trova nella parte nord di Manhattan, dopo aver attraversato Harlem, in un posto impensabile per un tesoro simile.

Alla fermata della 190a strada della linea rossa, mi trovo davanti un semplice parco che alla fine, dopo innumerevoli sentierini e scale, svela il suo segreto: The New York Cloisters. È un complesso imponente che racchiude svariate opere d’arte del medioevo europeo in un contesto sorprendente.

Accanto ai monili, ai crocifissi e alle bibbie miniate ci sono degli interi chiostri sradicati dall’ Occitania e dalla Catalogna e riassemblati li per la gioia dei visitatori a stelle e strisce.

Il primo impatto è molto confortevole per un amante della storia medievale come me, mi sentivo a casa in un certo senso. Poi ho realizzato che un progetto così ambizioso era stato realizzato da un’ unica grande mente (e con un grande portafoglio ). Così è entrato in azione il mio spirito puramente storico e mi sono informato, scoprendo una storia che non molti tra i giovani del vecchio continente conoscono che ha come protagonista un uomo di nome :John D. Rockefeller Jr.

Figlio del grande magnate del petrolio protagonista della svolta industriale degli Stati Uniti, acquista un’ intera area di Manhattan per trasformarla in un parco che nel 1935 verrà donato alla città di New York; assieme ai terreni Rockefeller dona anche una parte della sua collezione personale, accompagnata da un’ intera collezione privata che egli stesso aveva acquistato da un grande collezionista di opere medievali americano.

Il complesso, costruito tra il 34 e il 39 incorpora 5 chiostri smantellati pietra dopo pietra in Europa, trasportati attraverso l’oceano e ricostruiti all’ interno di in un unico edificio progettato da Charles Collens e, come se tutto questo non fosse abbastanza, Rockefeller ha persino acquistato le terre al di là del fiume Hudson per preservare la vista dal complesso.

Il risultato finale è un’ esperienza unica di pace e armonia in mezzo a chiostri e giardini nel cuore di un mostro di cemento come New York quindi non posso fare altro che raccomandarlo.

Come ho detto all’ inizio, il resto della città mi ha fatto uno strano effetto quest’ anno: il primo impatto è sempre forte con le sue strade affollate, i taxi, la metropolitana e soprattutto i suoi cittadini indaffarati ma questa volta mi è sembrata più grigia e un po’ più triste del solito; forse perché ho smesso di guardare agli edifici luccicanti e ho cominciato a vedere tutto quello che si nasconde alla loro ombra, ho iniziato a capire il prezzo che questa città paga per non fermarsi mai e i suoi innumerevoli tentativi, riusciti e non, di rendere tutto un po’ meno frenetico e un po più vivibile quasi come nel Village.

È proprio su questo punto che interviene la vicina Boston, una città completamente diversa per struttura, abitabilità e soprattutto abitanti. Il mezzo di trasporto principale per il centro, non è più la metro o il taxi ma le tue gambe. Infatti Boston ha un bellissimo centro storico che è tutto a portata di passeggiata più o meno lunga.Questa passeggiata non ti fa semplicemente camminare da un posto all’ altro perché mentre cammini sei accompagnato da edifici storici, ripercorri le orme della rivoluzione e ti lasci trasportare da uno spirito che in certi luoghi arriva ad essere quasi quello di un quartiere di una piccola città. Questo mi è piaciuto veramente di Boston, il fatto che non è una città ostile come NY, non hai quella sensazione di doverla conquistare per arrivare ad avere il diritto di definirti un Newyorkese, non diventi pazzo a capire come funziona la metropolitana, se hai bisogno di aiuto le persone te lo danno con un sorriso e non con la faccia di chi aspetta 5 dollari di mancia per la propria generosità e soprattutto senti che puoi trovare il tuo posto come in una piccola (immensa) città.

 

English version coming soon, follow me to get it hot off the press !!

ciao mondo (?)

Già, ciao mondo; non potevo trovare parole migliori per iniziare questa avventura. Un’ avventura nell’ avventura ecco di cosa parlerà Actionculture: viaggi, fotografia, musica e storia (le grandi passioni della mia vita) che ho deciso di riassumere in questo blog in cui ( ci tengo a precisarlo ) faccio tutto io, si esatto, proprio tutto; le foto i video e se andrà tutto bene, anche la musica.

Ma il vero protagonista, anzi, LA vera protagonista di questo sito sarà la storia, quella maestra di vita che molti si rifiutano di considerare persino quando hanno davanti un edificio, un dipinto o una persona che ha influenzato le loro vite in modi che nemmeno si immaginano. Quindi ricapitolando: viaggi, foto, musica e storia  una guida, se proprio bisogna chiamarla così, o un compagno di viaggio, come preferisco chiamarlo io.

Molto è in cantiere ma per ora posso solo darvi il benvenuto con uno dei miei scatti preferiti:il giorno che nasce sulla baia di Boston perché così come io ho assistito alla nascita di un nuovo giorno voi state assistendo alla nascita di qualcosa di nuovo, ancora deve prendere forma e spero proprio che non vi deluderà.

Il vostro Viaggiatore.

ENGLISH

Well, hello world I could not think of better words to start this adventure. An adventure within an adventure this is what Actioncultures is going to be: travels, photography, music and History (the three biggest passions of my life) that I have chosen to present in this blog. I would like to inform you that I do everything myself in this blog. Yes everything, I take the photos, the videos and, when I can make it, even the music.

However, the star of this blog will be History. The master of life, that most refuse to take into consideration when they see  a building, a painting, or a person that migth have had a big influence in their life. 

So to resume it all, travels, photos, music and history, not quite a guide but a travel companion, as I like to call it.
I have a lot of things in the planning of the projec, but for the moment I can only welcome you with one of my favourite recent shots,  the sun rising on Boston’s bay; because as I was part of the start of that  beautiful moment, so you can be part of the start of a new project. It’s still in the making and I hope it will not disappoint you.

Your Traveller