The Boston Freedom Trail Pt. 1

Today begins the journey through the streets of Boston that will allow you to discover the most important monuments and the main stages of the origins of the history of the United States. This route passes through the entire city and ends in Charlestown. Along the way you can admire churches, town halls, cemeteries, libraries and even the home of one of the founding fathers.

The monuments, the history and the impressions of the writer

The Boston Common

The route begins at the Boston Common, the oldest town park of the United States which dates back to 1634. This green space extends for almost a quarter of the famous Beacon Hill and was the ground of some of the most significant historical moments in modern and contemporary history. More than a thousand redcoats camped here during the British occupation in the war of independence. From here they left for some of the bloodiest battles of the American Revolution; First of which, was that of Bunker Hill. It is here that some of them remained, because a part of the park, (closed to the public), was used as a burial ground for the fallen of that bloody battle. The park has also been the ground of public hangings and executions throughout the 1700’s and 1800’s: which included murderers, pirates and finally witches. As for the more recent history, the Boston Common was the scene of massive protests against the war in Vietnam, hosted a Mass of Pope John Paul the second and was the scene of one of the famous speeches of Martin Luther King Jr. during the fight for the emancipation of black people in the United States.

Massachusetts State House

Completed in 1798, it is the town hall which plays the role of symbol of the city and has been a point of reference for its citizens thanks to the golden dome that can be seen from almost anywhere in the city. Considered one of the finest public buildings in the country, it was built to give to the Commonwealth of Massachusetts a non British-made building on top of the highest hill of the capital. Inside, the meetings of the senate and of the representatives of the state are held and also it has the seat of the governor. In addition to having the signature of Paul Revere (itself a symbol of the city) on its golden dome, inside it houses mosaics and paintings that trace the military and civil history of the state and of the nation. I appreciated the fact that the visits were free and open to all in order to show how (in theory) the policy and state buildings of the United States are open to all its citizens.

Park Street Church

This Congregationalist Church is another symbol of the city of Boston, whose high bell tower has been a point of reference for all travellers, coming to the city since 1809. The architecture in plain brick, well represents a Protestant church along with a completely bare interior. Of specific interest instead, are the long rows of pews that ran from one side to the other of the church, thus forcing the unfortunate fellow who sat in the middle of one, to pass through a whole pew full of people, if he wanted to leave.

Granary Burying Ground

The cemetery next to Park Street Church is far more interesting than the church itself thanks to the illustrious names that are buried there. Three of the men who signed the Declaration of Independence are resting there, including John Hancock and Samuel Adams, together with Paul Revere and Benjamin Franklin’s closest relatives. A special place is reserved to the victims of the Boston Massacre, the spark that triggered the War of Independence.

King’s Chapel and burying ground

Built in 1688 with a few boards and wooden beams for the emerging Anglican community in Boston, it soon become a meetings place for the mercantile bourgeoisie of the city, who then helped finance the construction of the brick and wood church you see today.

While the outside is quite bare, the interior is a perfect example of a “Georgian church” architecture,with (once) white lacquered wooden benches covered with red damask material, arranged in a semicircle. A clear example of the classical taste and puritanical approach that characterized that ‘time. The cemetery is the oldest in the city and in the state and resting in it you will find one of the first inhabitants of the country: Mary Chilton the first woman to get off the Mayflower and with her, he who became the first state governor, John Winthrop and his family.

The first part of the Freedom Trail ends here and soon the journey will continue with the next landmarks. In the meantime, I would like to express in the next few lines, some recommendations. The first is to simply go on the Boston Common with the curiosity to discover the spirit of the city, the second is to go around in the Beacon Hill area. As you do that, you will discover its restaurants and clubs which are very attractive. As you are walking on the hill, if you look at the homes, you will notice that some of the glass panes in some of the windows are actually purple. This is because at the beginning of 1800’s, the manufacturer of the windows in Germany put too much manganese oxide in the glass paste which, year after year of sun exposure, turned purple. In Boston this error had become an incredible luxury for the owners of the houses, because the purple had become a real fashion and the wealthy inhabitants of beacon hill were prepared to spend a lot of money to have a purple glass pane in their windows.

See you soon with the new landmarks of the Freedom Trail !!

The Boston Freedom Trail Pt. 1

Oggi comincia il cammino per le vie di Boston che vi porterà alla scoperta dei suoi monumenti più significativi e delle tappe principali delle origini della storia degli stati uniti. Questo percorso passa attraverso l’intera città per terminare a Charlestown e lungo la via si ammirano chiese, municipi, cimiteri, biblioteche e persino la casa di uno dei padri fondatori.

Gallery and english version coming soon stay tuned to get it hot off the press !!!

I Monumenti, la storia e le impressioni dell’autore

The Boston Common
I percorso comincia al Boston Common, il più antico parco cittadino degli Stati Uniti la cui fondazione risale al 1634. Questo spazio verde che si estende per quasi un quarto della famosa Beacon Hill è stato testimone di alcuni dei momenti storici più significativi della storia moderna e contemporanea. Qui si sono accampate più di mille giubbe rosse durante l’occupazione britannica nella guerra di indipendenza, da qui sono partite per alcune tra le più sanguinose battaglie della rivoluzione americana, prima tra tutte quella di Bunker Hill, ed è sempre qui che alcuni di loro riposano ancora oggi perchè una parte del parco, chiusa al pubblico, è stata adibita a terreno di sepoltura per i caduti di quella sanguinosa battaglia. Il parco è anche stato terreno di impiccagioni ed esecuzioni pubbliche durante tutto il 700′ e l’800 : dagli assassini, ai pirati per finire con le streghe. Per quanto riguarda la storia più recente, il Boston Common è stato teatro di imponenti proteste contro la guerra in Vietnam ed è stato teatro di uno dei famosi discorsi di Martin Luter King Jr. durante la lotta per l’emancipazione delle persone di colore negli Stati Uniti.

Massachussets State House
Completata nel 1798 é il municipio cittadino e riveste anche il ruolo di simbolo della città e di punto di riferimento per i suoi cittadini grazie alla cupola dorata che si può vedere da quasi ogni parte della città. Considerata uno dei più bei edifici pubblici della nazione, venne costruita per dare al Commonwealth del Massachussets un edificio non di fabbricazione inglese in cima alla più alta collina della capitale. Al suo interno si radunano il senato e i rappresentanti dello stato ed è sede del governatore. Oltre che portare la firma di Paul Revere ( a sua volta simbolo della città ) sulla sua cupola dorata, al suo interno ospita mosaici e dipinti che ripercorrono la storia civile e soprattutto militare dello stato e della nazione. Ho molto apprezzato il fatto che le visite fossero gratuite e aperte a tutti proprio a mostrare come ( in teoria ) la politica degli Stati Uniti sia aperta a tutti i suoi cittadini.

Park Street Church
Questa chiesa Congregazionista è un altro simbolo della città di Boston grazie al suo altissimo campanile che dal 1809 e’ il riferimento per i viandanti. L’architettura di semplici mattoni si addice ad una chiesa protestante assieme ad un interno assolutamente spoglio; di particolare invece ha le lunghissime file di banchi che vanno da un lato all’ altro della chiesa che costringono lo sfortunato che siede nel mezzo a importunare metà chiesa se deve uscire.
Granary Burying Ground
Il cimitero che affianca Park Street Church è molto più interessante della chiesa stessa grazie ai nomi illustrissimi che vi sono sepolti. Tre firmatari della dichiarazione di indipendenza, tra cui John Hancock e Samuel Adams, riposano assieme a Paul Revere e ai parenti più stretti di Benjamin Francklin. Un posto speciale è riservato alle vittime del Boston massacre, la scintilla che ha innescato la guerra di indipendenza.

King’s Chapel and Burying groung
Costruita nel 1688 con poche assi e travi di legno per la nascente comunità anglicana di Boston, ben presto divento’ un polo di incontri per l’alta borghesia mercantile della città che aiuto’ a finanziare la costruzione in mattoni e legno della chiesa attuale.
Se l’esterno è un po’ spoglio, l’interno è un perfetto esempio di Georgian church architecture; i banchi in legno laccato disposti a semicerchio poi, sono una firma inequivocabile del gusto classicista e puritano che caratterizzava quell’ epoca. Il cimitero, è il più antico della città e dello stato e ospita addirittura uno dei primi abitanti della nazione: Mary Chilton la prima donna a scendere dalla Mayflower a cui fa compagnia il primo governatore dello stato John Withrop e la sua famiglia.

La prima parte del Freedom Trail finisce qui e presto il viaggio continuerà con le prossime tappe, nel frattempo vorrei occupare queste ultime righe con alcune considerazioni e consigli. Il primo è quello di non limitarsi a percorrere il Boston Common ma di esplorarlo e di farsi pervadere dallo spirito della città, il secondo e’ di girare la zona di Beacon Hill con i suoi ristorantini e locali che sono uno più bello dell’ altro. Mentre camminerete su e giù per la collina noterete che i vetri di alcune finestre sono viola, questo perchè ad inizio ‘800 al produttore di quei vetri in Germania è caduto troppo ossido di manganese nell’ impasto del vetro che dopo anni e anni di esposizione al sole è diventato viola. A Boston questo errore è diventato un lusso incredibile: quella dei vetri viola e’ diventata una vera e propria moda e i ricchi abitanti di Beacon Hill erano pronti a spendere molto per avere un singolo vetro viola nella loro finestra.

A presto con le nuove tappe del Freedom Trail !!

Video

A day at the Boston marina

To celebrate getting more than 100 likes on the Facebook  page, I want to share this video I made while I was in Boston. I was in front of the most incredible scenery and, with the backround music by Zachary Carrettoni, I hope you are able to take the same tour with me on the beaches of Winthorp.

For all copyright details of our work and for the CC BY NC and SA licenses please visit the website below.

Per celebrare quelli che ormai sono più di 100 like sulla pagina Facebook, pubblico questo video che ho realizzato mentre ero a Boston davanti ai paesaggi più incredibili e, grazie alla musica di Zaccaria Carrettoni, spero di riuscire a regalarvi un piccolo viaggio sulle spiagge di Winthorp.

Per tutti i dettagli sul copyright del nostro lavoroe per le licenze CC BY NC SA, consultate il sito

ttps://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/4.0/

h

Getting to know Boston

Each year I like to organize a trip during the summer that, in addition to taking me to a place I have not seen before, gives me the opportunity to explore the historic aspect of the place and also allows me to take interesting photographs.

This past summer I chose Boston, centre of the origins of American history and focused on it’s past and recent events.

The first goal of my trip was to follow the “Freedom Trail”, a distance of about four miles that goes from one end to the other of the city down town and along which, you can visit the historical monuments that represent events that had a significant role in the establishment of Boston’s history and that of the United States. However, before starting my story on this journey, which will be divided into 3 parts, I would like to make a brief introduction of the city itself.

On the evening of my arrival, with a Bostonian friend, whom I met in Italy, I went in the recently developed and very attractive water front. To my surprise, I met costplayers all around, attending the “Boston Comicon bostoncomiccon.com/.”

After taking a tour of the exhibit, I walked the promenade along the docks, once used by the fishermen of the North End. Here you can find the big chain restaurants, that have spread all along the east coast of the United States, which have great fish dishes in their menu. I tried Legal Sea Food, where I can only recommend everything on the menu, because of its quality and unparalleled taste. The promenade is always full of life and offers amazing walks at sunset overlooking the ocean. At Sundown one cannot miss going to the many Irish pubs around the area, a tradition still very much alive since the Irish immigration during the first decades of the 1900s.

On the second day of my stay I decided to take the “Duck tour”, a nice tour of the city, one can take on board of copies of the amphibious vehicles that the US military used in World War II to land on the beaches during their attacks. Once on board the driver, usually a nice character that is also a guide, will take you on a tour of the city and of the river Charles as well. This allows you to see many buildings, including MIT, from the water. This experience, which gives you also a glimpse of the’ whole city, and of its Mistyc River, allows you to understand how Boston manages to be a big city without being hectic. I have already referred to this subject and now I would like to explain it in more details by telling you about the beautiful relationship that Bostonians have with their river. Children begin sailing very young and, in recent years especially, the cleaning of their river is a duty for all the inhabitants of this city. This beautiful civic sense, in many ways, reminds me of the spirit found in the capitals of northern Europe.

Boston is a city built on European urban planning, thanks to the fact that, like many European capitals, it was built in the 1700 by architects inspired by the ideas of the Enlightenment period’s city planning coupled with Rationalism thinking. The buildings are not high, the streets are wide and there are many pedestrian areas with trees and gardens, you have this general feeling that not everything has been incorporated by concrete.

Another intresting part of this city are its suburbs; not the usual rows of identical houses, but homes completely different from one another: Victorian houses, the houses from the 20s and 30s, houses built in the 60 and 70, and finally, some examples of completely modern houses that fit in very well in this environment and all are strictly 200 meters or less from the ocean. I suggest you visit Winthrop six miles away from Boston and a completely different world.

Before moving on to the incredible historical sites that represent the events that took place within and in the surroundings of this great city, which have contributed to form one of the most influential nations of contemporary history, I would like to say a few words about the people who live there today, especially about the youngsters.
Boston is a city with several universities, MIT and Harvard are just some of the prestigious universities that are located near the centre of town, and for this reason, all around them there are many clubs and shops considered “Hip”, hence the word Hipster, which have created a style which is a blend of history and modern life, with which I fell in love. In Europe one can find rare examples of a city with strong historical roots that has been able to modernize without losing its authenticity. Most European cities are an irregular and inconsistent mixture of these two things, while Boston is able to have both a library overlooking the cemetery where the founding fathers are buried and streets full of fashion shops, which are not bigger than your living room and hide well in terraced houses of the turn of the century.

In this introduction I have already dwelt too much on details and I hope that these words will transpire not only what I have seen, but also all the sensations that hit you when you travel: the comparisons of the new place with your home, the curiosity about different life stiles and above all the spirit of adventure; after all this is Culture in Action !

I primi passi per Boston

Ogni anno decido di organizzare un viaggio importante durante l’estate, un viaggio che, oltre a portarmi in un luogo che non ho ancora visitato, riesca a coinvolgere sia il mio interesse per la storia che quello per la fotografia. Quest’ anno ho scelto Boston ambasciatrice sia della storia americana delle origini (su cui mi sono concentrato) che delle vicende del passato più recente.

L’ obbiettivo del mio viaggio era fare il “Fredom Trail”, un percorso di circa 4 miglia che va da un capo all’ altro del centro città e lungo il quale si visitano i monumenti storici che hanno fatto l’ inizio della storia di Boston e degli Stati Uniti. Oggi però prima di iniziare il mio racconto su questo cammino, che sarà diviso in 3 parti, vorrei fare una piccola introduzione alla città stessa.

La sera del mio arrivo, grazie ad amici bostoniani conosciuti in Italia sono andato nella zona più nuova e “giovane” di questa città dove ho anche incontrato dei cosplayers che partecipavano al “Boston Comicon”. Ho poi fatto la passeggiata che costeggia i moli un tempo usati dai pescatori del North End, dove sorgono le grandi catene di ristoranti a base di pesce che si sono diffuse lungo tutta la costa est degli Stati Uniti, prima tra tutte Legal Sea Food dove non posso fare altro che raccomandare qualunque cosa sul menù perché di una qualità e un gusto senza pari. Il lungomare è sempre pieno di vita e al tramonto offre passeggiate con vista niente male. Per quando tramonta il sole non possono mancare gli Irish pub retaggio ancora vivissimo dell’immigrazione irlandese durante i primi decenni del 900.

Il giorno seguente ho deciso di prendere il Duck tour, un simpatico giro turistico su delle riproduzioni dei mezzi anfibi che l’esercito americano usava nella seconda guerra mondiale. Questa esperienza, che ti da’ un assaggio dell’ intera città e soprattutto del suo Mistyc River, ti fa capire come Boston riesca ad essere una grande città senza essere frenetica. Ho già accennato a questo argomento e ora lo vorrei spiegare più nel dettaglio parlandovi anche del bellissimo rapporto che i bostoniani hanno con il loro fiume. I bambini cominciano la scuola di vela giovanissimi e, negli ultimi anni specialmente, la pulizia del proprio fiume è un dovere per tutti gli abitanti di questa città che sotto molti aspetti mi ricorda una capitale del nord Europa.

Boston è una città a matrice europea anche grazie al fatto che, come molte capitali europee, è stata edificata nel 700 da architetti ispirati dalle idee dell’ urbanesimo e del razionalismo illuminista. Gli edifici non sono alti, le vie non sono strette e ci sono molte aree pedonali, si ha questa sensazione generale che non tutto è stato inglobato dal cemento.

Un’ altra piccola perla di questa città sono i suoi sobborghi; non le solite case tutte uguali ma file di case completamente diverse le une dalle altre: case vittoriane, case degli anni 20 e 30, case anni 60 e 70 e per finire, qualche esempio di casa completamente nuova che si integra benissimo in questa varietà, tutto rigorosamente a 200 metri dal mare.

Prima di passare alle incredibili vicende storiche che hanno avuto questa grande città sullo sfondo e che hanno formato una delle nazioni più influenti della storia contemporanea,vorrei spendere ancora due parole sugli abitanti che oggi la popolano, in particolare sui giovani. Boston è una città universitaria, MIT e Harvard sono solo alcune delle prestigiose università che si trovano nei dintorni del centro quindi sono moltissimi i locali e i negozi definiti “Hip”, da cui deriva la parola Hipster, che creano questo mix di storia e attualità di cui mi sono innamorato. In Europa sono rari gli esempi di una città con forti radici storiche che si è saputa modernizzare senza perdere la sua autenticità, la maggior parte sono un miscuglio irregolare e disomogeneo di queste due cose mentre Boston riesce ad avere sia una biblioteca che si affaccia sul cimitero dove sono sepolti i padri fondatori che una strada piena di negozi di moda che però non sono più grandi di una stanza e si mimetizzano perfettamente in una via piena di villette a schiera di inizio secolo.

Per essere un’ introduzione mi sono già dilungato troppo ma vorrei che da queste parole trasparisse non solo quello che ho visto ma anche tutta quella serie di sensazioni che ti colpiscono quando viaggi: i paragoni con casa propria, la curiosità verso uno spirito di vita diverso dal tuo e soprattutto lo spirito di avventura; dopotutto questa è Cultura in Azione!

Galleria

La vera Regina delle corse, Gallery

As promised, here is the photo gallery of some of the wonders that you can find at the Alfa Romeo museum in Arese. This is just a taste because the visit is an experience much more immersive. From the the 24 HP to the 33 Stradale; the best achievements  of “The Big Snake” are all there.

Come  promesso, ecco le foto di alcune delle meraviglie che potete trovare al museo Alfa Romeo, questo è solo un assaggio perché la visita è un’ esperienza ben più coinvolgente. Dalla 24 cavalli alla 33 stradale; i più grandi traguardi del Bisione sono tutti qui.

A.L.F.A. 24 Hp 8C 2300 Millemiglia 8C 2300 Millemiglia 6C 2500 Sport 6C 2500 Sport 1900 touring Montreal DiscoVolante 2000 Sportiva Concept  serie P gran premio 33 stradale

The rightful Queen of the track

Today I would like to celebrate the first 50 ‘likes’ on my Facebook page by telling you about a unique experience that I had recently. It begins with a journey into the past of car racing to the roots of modern racing, and anyone can undertake this experience by visiting the Alfa Romeo Museum in Arese, Italy near Milan. When you first arrive, the building appears quite anonymous from the outside. It looks like it has offices, but when I arrived in the parking lot I was greeted by a long and winding path. This to me represented the fluidity with which Fiat is reintroducing the Alfa brand. The building inside is brand new and the architecture is very modern. Just near the entrance you are welcomed with one of the latest models of their convertible. The visit begins with a brief history of the car manufacturer that was founded in 1910 and developed along with the history of Italy up to today. It explains the change of logo and name, from ALFA (Anonima Lombarda Fabbrica Automobili) Alfa Romeo Milano up to the latest Alfa Romeo production started also in the south. The first models of the period 1910-15 had some success, however with the arrival of the war the company was reconverted to the production of aircraft engines (the first gigantic pieces are the ones on display at the museum as one enters). At the end of the war, the company was undergoing a big financial crisis because of low sales and was eventually taken over by the state. Meanwhile, the brand had made its way in motor racing by winning the first Targa Florio and soon gathered fans. It is said that one of them was Benito Mussolini, who, considering the prestige the company gave Italy with all its victories, decided to save the company when it reached the edge of bankruptcy. The visit continues with models from the 30s and 40s, and the premium models released during the economic boom. It continues with the concept cars from the biggest names in Italian design, and then the tour ends with the most famous models that have made the racing history in Italy and around the world. I, however, am not writing this piece to be a guide of the museum for you. I would like instead to pass my experience on to you. If you walk into the museum, not only do you buy a ticket to see the cars on display, you buy a ticket to experience the history of Italy through one of its biggest icons (do not forget that the Ferrari team was born as a division of Alfa Romeo racing unit). Through these cars, in fact, you can see the trends, the ideas and extravagances that animated every decade of the 1900’s, starting from the beginning of the century to present day. You can see the courage of the pioneers of the sport motors, the strength of what could have become an industrial Italian giant if it had not been badly administered. You can especially admire the work of talented craftsmen and designers who carved in clay curves and edges that only the patience of the hammers of the masters of aluminum have been able to achieve. The racing department then is really a jump into the past because you are completely surrounded by three walls with giant screens showing videos of the story of cars of the past. It is a spectacle of really exciting lights and sounds that ends with an explanation of the impossible races and the miracles performed by the pilots of the past on board of an Alfa Romeo.

In conclusion, the museum at Arese is considered more an experience than a visit because the level of involvement is very high. If you are like me and also have a passion for cars, the Alfa will win a place in your heart. I can only recommend that you head to the very nice cafe, (the food is very good), and take a tour of all the showrooms. You will see that Fiat is bringing the company back to its origins – that of a brand born from the races and for the races. The company that has inflamed the hearts of generations of Italians and the rest of the world with his follies and especially with its victories.

La vera Regina delle corse

Oggi vorrei celebrare i primi 50 like sulla pagina di Facebook parlandovi di un’ esperienza unica che ho vissuto di recente: un viaggio nel passato alle radici della modernità che chiunque può intraprendere visitando il museo Alfa Romeo di Arese. L’edificio è abbastanza anonimo, da fuori sembrano uffici, ma, arrivato nel parcheggio, sono stato accolto da una pensilina lunga e sinuosa che per me ha rappresentato proprio la fluidità con cui la Fiat sta facendo risorgere il marchio Alfa. All’ interno l’edificio è nuovissimo, l’architettura è molto moderna e subito vicino all’ entrata c’è ad accoglierti uno degli ultimi modelli della loro decappottabile più veloce. La visita comincia con una breve storia della casa automobilistica che nasce nel 1910 e accompagna la storia d’Italia fino ad ora.

Vengono spiegati i cambiamenti di logo e di nome, che passa da ALFA (Anonima Lombarda Fabbrica di Automobili) ad Alfa Romeo Milano fino ad arrivare ad Alfa Romeo quando si e’ avviata la produzione anche nel sud .

I primi modelli del periodo 1910-15 ebbero discreto successo ma con l’arrivo della guerra l’azienda si riconvertì alla produzione di motori aeronautici (i primi pezzi in mostra al museo sono proprio questi giganti) ; alla fine della guerra, l’azienda entrò in crisi per le poche vendite e venne infine rilevata dallo stato. Nel frattempo però il marchio si era fatto strada nelle corse automobilistiche vincendo la prima Targa Florio e iniziando a raccogliere appassionati; si dice che uno di questi fu proprio Benito Mussolini che, considerato anche il prestigio che le vittorie automobilistiche davano all’ Italia, decise di salvare l’azienda quando raggiunse l’orlo della bancarotta. La visita continua con modelli degli anni 30 e 40, con le ammiraglie del boom economico e con le concept delle più grandi firme del design italiano per concludersi con i più famosi modelli che hanno fatto la storia delle corse in Italia e nel mondo.

Io però, non sono qui per fare una guida del museo, io vorrei parlarvi dell’ esperienza perchè se entri in quel museo non compri solo un biglietto per vedere delle auto in esposizione, prendi un biglietto per rivivere la storia d’Italia attraverso una delle sue più grandi icone (senza dimenticarsi che la scuderia Ferrari è nata come divisione corse proprio dell’ Alfa Romeo).

Attraverso quelle automobili infatti, puoi rivedere le mode, le idee e le stravaganze che animavano ogni decennio del 900 partendo da inizio secolo fino ai giorni nostri. Puoi vedere il coraggio dei pionieri dell’ automobilismo sportivo, la forza di quello che sarebbe potuto diventare un colosso industriale tutto italiano se non fosse stato male amministrato, ma soprattutto puoi ammirare il lavoro di geniali artigiani e progettisti che hanno scolpito nell’ argilla curve e spigoli che solo la pazienza dei martelli dei maestri dell’ alluminio hanno potuto realizzare. Il reparto corse poi è davvero un tuffo nel passato perché sei completamente circondato da 3 pareti di video con la storia dell’ automobilismo del passato : uno spettacolo di luci e suoni veramente coinvolgente che si conclude con una spiegazione delle gare impossibili, e dei miracoli, portati a termine dai gradi piloti del passato a bordo di un’ Alfa Romeo.

In conclusione, quella al museo di Arese è da considerarsi più un esperienza che una visita perché il livello di coinvolgimento è molto alto e se, come il sottoscritto, avete anche una passione per i motori, il Biscione conquisterà un posto nel vostro cuore. Non mi resta che raccomandarvi un salto alla caffetteria, molto piacevole e con del cibo molto buono, e di farvi un giro agli showroom dell’ Alfa stessa e della Jeep, l’ ultima arrivata in casa Fiat che, nonostante tutto, sta riportando alle sue origini un marchio nato dalla corsa e per la corsa che ha infiammato i cuori di generazioni di Italiani con le sue follie e soprattutto le sue vittorie.

 

English version coming soon, follow me to get it hot off the press !