The Boston Freedom Trail Pt. 2

Let’s continue our journey through the monuments and sites that have marked the history of the origins of ‘America, through what is now the historic centre of the city of Boston.

Boston Latin School

 Founded in 1635, it was the oldest public school in America and offered free education to children both rich and poor; among its students we can find five signers of the Declaration of Independence.

Today, to mark the spot where the original school once stood, there is the statue of another of its graduates: Benjamin Franklin.

Unfortunately, I have to note that, like other monuments that represent the town’s history, American institutions did not care to preserve it in its original form. The building was left to decay and was then demolished, and a memorial statue took its place. This is not the only example of abandoned historical buildings one can find in Boston as well as in other cities in the United States.

Old Corner Book Store

To resume the above discussion, here we are faced with an example of history not only forgotten but humiliated. At the “Old Corner Book Store”, between Washington and School Street, books by the most innovative American and foreign authors were printed, and on the first floor, was one of the most important cultural gathering area of the 700’s. In this hall, the most different topics were discussed, first of all poetry for which the library became known as “the Parnassus Corner ” in honour of the place where the nine muses of Greek mythology lived. Unfortunately, nothing is left of the original book store, or is there any evidence, that great intellectuals might have left in their passing because today the building houses a Mexican restaurant, one of many belonging to a chain.

I can understand that it may happen, that time and history might not leave us anything from a specific moment in time, but to humiliate what has been a bastion of culture for Boston by replacing it with a Mexican grill, it is something that makes me feel a great sadness.

Old South Meeting House

Built in 1729 it was the largest building in Colonial Boston and was used as a meeting place and for prayer by the Puritans of the city. The building acquired its place in history when, inside it gathered more than five thousand Bostonians who were protesting against the taxes imposed by the mother country England, on tea imports. Here Samuel Adams, one of the founding fathers, said that the time for words was over and that a strong action was needed to make it clear that the taxing could not happen without representation. On the same night settlers, disguised as Indians, threw 340 baskets of tea in the sea creating what henceforth history would  call the “Boston Tea Party”.

Old State House

In this building the British power in Boston had its highest representation, here lived the governor and here the council meetings took place. But the Boston State house is not famous for being a British symbol, it is famous because it was the very centre of the revolution in Massachusetts. Speeches were held in front of what had become the symbol of ‘oppression, speeches that contributed to the start of movements and protests,  the most violent of which led to the famous Boston Massacre that, thanks to the patriots propaganda, has become the symbol of British oppression.

However, history teaches us, that the so called peaceful settlers were actually armed and certainly did not have peaceful intentions. But then, the winners are usually the ones that write the history of great nations. At the end of the revolution, the Declaration of its Independence was read from the balcony of the boardroom and, to celebrate the event, the lion and the unicorn, symbols of the British power which stood in front of the building, were  destroyed and have now been replaced by copies.

Faneuil Hall

Founded in 1741 as a centre for commerce by the merchant Peter Faneuil, it hosted Boston’s  “Marketplace”  and throughout the colonial period had an important role as a meeting point for the most important personalities of the city. Here had their start the first children of freedom’s intrigues (sons of liberty) with the aim to give America its independence and here, is where speeches and demonstrations were held. Today, it has become a big souvenir shop and behind it there are two halls with many ethnic restaurants and shops that attract a lot of tourists every day.

This was the second part of the freedom trail and as you read it,  at times you probably perceived  my criticism, which I would like to explain. America has a short history if we consider only what is learned in school. It does not cover the Native Americans history, nothing is said about how the white man has uprooted them from their land and systematically condemned them to be forgotten. Their history is lost, so what is left of American history should be preserved and enhanced, by making the most of it and not do things such as transforming a 300 years old bookstores into a Mexican grill.

Unfortunately this disastrous behaviour is common in Europe as well,  where no nation is exempt from these faults. For instance,  we Italians are working very hard to make sure that of our cultural heritage remains only what we can afford to preserve. There are no investments, restorations or redevelopments,  but most important, nothing is done to stop raiders who, as you read, are stealing artefacts from an Etruscan or Roman tomb.

I don’t know how an article on the Boston Trail has ended in an alarm about the need to defend and protect our artistic and cultural heritage, but I hope the message has come across.  I will be back soon with the next (and final) part of the Freedom Trail. Stay tuned!

The Boston Freedom Trail Pt. 2

The Freedom Trail Parte 2

Continua il cammino attraverso i monumenti che hanno segnato la storia delle origini dell’ America odierna attraverso quello che è oggi il centro storico della città di Boston.

Boston Latin School

Fondata nel 1635 era la scuola pubblica più antica d’America e offriva educazione gratuita ai ragazzi sia ricchi che poveri; ha avuto tra i suoi studenti 5 firmatari della dichiarazione di indipendenza. Oggi a marcare il punto originale in cui questa scuola sorgeva c’è la statua di un altro dei suoi diplomati: Benjamin Franklin. Purtroppo mi vedo costretto a constatare che, come altri monumenti della storia cittadina, le istituzioni americane non si sono preoccupate di conservare in nessun modo l’edificio originale, che è stato lasciato decadere e poi abbattuto, e per fare bella figura è stata piazzata una statua commemorativa. Questo non è l’unico esempio di storia abbandonata e a Boston come in altre città degli Stati Uniti se ne possono trovare molti altri.

Old Corner Book Store

Per riprendere il discorso precedente, qui siamo di fronte ad un esempio di storia non solo dimenticata ma umiliata. All’ Old Corner Book Store, tra School e Washington street, venivano stampati i libri più innovativi degli autori americani e stranieri e, al primo piano, si teneva uno dei salotti letterari più importanti del ‘700. Qui venivano discussi i temi più diversi, primo fra tutti la poesia grazie al quale la libreria divenne nota come “the Parnassus Conrner” in onore della dimora delle nove muse della mitologia greca. Purtroppo non si è conservato nulla della libreria, delle testimonianze che i grandi intellettuali hanno lasciato al loro passaggio e del negozio stesso perché oggi l’edificio ospita un negozio di una catena di ristoranti messicani. Posso capire che il tempo e la storia non ci diano niente di un determinato momento ma umiliare quello che è stato un baluardo della cultura bostoniana sostituendolo con un grill messicano è una cosa che mi fa provare una grande tristezza.

Old South Meeting House

Costruita nel 1729 era l’edificio più grande della Boston Coloniale e veniva usato come luogo di ritrovo e preghiera dai puritani della città. L’edificio entrò prepotentemente nella storia quando al suo interno si riunirono più di cinquemila Bostoniani che stavano protestando contro le tasse imposte dalla madrepatria Inghilterra sulle importazioni di tè. Qui Samuel Adams, uno dei padri fondatori, disse che il tempo delle parole era finito e che serviva un’ azione forte per far capire che la tassazione non poteva avvenire senza rappresentanza. Nella notte alcuni coloni travestiti da indiani gettarono in mare 340 casse di tè in quello che d’ora in avanti la storia avrebbe chiamato il Boston Tea Party.

Old State House

Qui il potere britannico a Boston aveva la sua massima rappresentanza, qui risiedevano il governatore e avvenivano le riunioni del consiglio. Ma la Boston State house non è famosa per essere un simbolo britannico, è famosa perché è stata il centro vero e proprio della rivoluzione nel Massachussets: discorsi furono tenuti di fronte a quello che era diventato il simbolo dell’ oppressione, discorsi da cui sono nati movimenti e proteste, la più violenta delle quali ha portato al famoso Boston Massacre che, grazie alla propaganda dei patrioti, è diventato il simbolo dell’ oppressione britannica. La storia ci insegna però che i pacifici coloni erano in realtà armati e di pacifico non avevano di certo le intenzioni, ma d’altronde sono i vincitori a fare la storia delle grandi nazioni. Alla fine della rivoluzione, poi, venne letta all’ intera città la dichiarazione di indipendenza proprio dal balcone della sala del consiglio e per celebrare vennero abbattuti l’unicorno e il leone, simboli del potere d’oltre oceano, oggi sostituiti da delle copie.

Faneuil Hall

Nata nel 1741 come centro di commercio per volere del mercante Peter Faneuil ha ospitato la “piazza affari” di Boston lungo tutto il periodo coloniale avendo anche un ruolo di rilievo come punto di incontro per le più importanti personalità della città. Qui sono nati i primi intrighi dei figli della libertà (sons of liberty ) per dare all’ America l’indipendenza e sempre qui si sono tenuti discorsi e manifestazioni di piazza. Oggi è un negozio di souvenir ma alle sue spalle ci sono 2 corridoi pieni di ristoranti etnici e negozietti che attirano un mare di turisti ogni giorno.

Questa era la seconda parte del freedom trail che, come avete letto, aveva un aria un po’ polemica e ora vi spiego perché: l’America ha una storia limitatissima se consideriamo solo quella che si studia a scuola e non quella dei nativi americani, che l’uomo bianco statunitense ha sradicato e condannato al dimenticatoio con una precisione chirurgica, quindi dovrebbe valorizzare al massimo quello che ha e non trasformare negozi di libri di 300 anni in grill messicani. Questo purtroppo non è un comportamento molto comune anche in Europa dove, fatto salvo che nessuna nazione è esente da tali colpe, noi italiani stiamo dando il massimo per fare si che del nostro patrimonio culturale resti solo quello che ci possiamo permettere. Non ci sono investimenti di riqualificazione ma soprattutto non si combattono i predoni che mentre parliamo stanno deturpando una tomba etrusca o romana.

Come un articolo su Boston sia diventato un piccolo grido di allarme per la difesa del nostro patrimonio artistico e culturale non lo so, ma spero che il messaggio sia passato e ora non posso che dirvi a presto con la prossima ( e ultima ) tappa del Freedom Trail!