The Cold’s Reward

The main reason for going to Sweden was to see the magic atmosphere and colours of the ‘Aurora Borealis’ in person and take as many photos as I could with my camera. However, to do so I had no idea I would have had to fight snowstorms, frozen train tracks and the constant threat of clouds which prevented me from witnessing this magic show that nature gives us mortals. Nevertheless, in the end, thanks to patience, I achieved what I started out to get.

I flew from Milan to Copenhagen and from there to Stockholm where I stayed only two days. I started my Arctic adventure when I left Stockholm, with the regret of not having spent more time there, on a small plane (maximum 50 people) on the way to Kiruna, a city mainly known for its giant iron mine that never sleeps.

I headed 250 kilometres in the Arctic Circle because Kiruna (in addition to Abisko and Bjorklinden) is considered worldwide, the best place from which to observe the majestic natural phenomenon that I wanted to photograph. Before we dive into the real adventure, though, I would like to say a few words about this unique town.

Founded as a mining town, today Kiruna continues to guarantee its survival from a huge mine that extends not only inside a whole mountain overlooking the city but also underneath the city itself, to the point that there is an ongoing’ huge operation to move the City’s buildings in order to have more access to the precious mineral. In the city there aren’t many attractions, especially during the day; in the evening, 10 minutes away by taxi, after a good moose meet burger and a pint of beer at the “The Bishop’s Arms”, the entertainment available greatly increase once you reach Camp Ripam. The most popular hotel/camping in the city, from there, thee is a long path that takes you deep into the forest where the city lights cannot be seen and where, in theory, you can have a ‘good views of the Northern Lights. However, on the night I was there, the lord of the winds and of the clouds had different plans so, despite the nice walk at -30 °/86 F. I came home empty-handed. No Northen Lights show.

The next morning I discovered that in Kiruna it had been the coldest night of the past 10 years, which may seem thrilling and very satisfactory from the point of view of an explorer, but it turned the next day into a nightmare. The cold, in fact, had blocked all the trains in the region and I should have taken one of those trains to reach Bjorklinden, one of the best places as I said before, where to catch the ‘Northern Lights. As the saying goes, not all stars have a silver lining: After a morning spent making phone calls we found a car that would take us to our destination and along the way I spotted a group of reindeer that was about to cross the road. I immediately asked the driver to stop and ran down to take some photographs. After a moment of hesitation, during which all of the reindeer turned to look at me simultaneously I felt a primeval instinct to flee, luckily they resumed their journey, and I was able to continue to photograph them without danger.

Once in Bjorklinden I went to the only hotel found in this small town which, despite its small size, had a sensational restaurant accompanied by an incredible view of a frozen lake, because of its position on top of a hill on whose slopes you could also see the town below. That evening my destination was the Aurora Sky Station, a small cabin which is accessible after a half hour trip ‘on a chairlift’ suspended over a cliff at -20°/68F. Once at the top I had the opportunity to meet other fearless photographers who had chosen to challenge the freezing weather with me. And… hoping he is reading this, I would like to send a special greeting to my friend Rommel all the way to the Philippines! Despite the wonderful company, that evening the clouds played against me again so, no aurora even during attempt number 2.
Evening number 3 finally was the most exciting of the entire vacation because, after sunset I joined a “caravan” of snowmobiles organized by the hotel, directed to the forest, back in search of a dark enough spot to catch the much sought-after prey.

To drive a snowmobile was exciting and with a little effort I also managed to attach my Gopro to the handlebars, I am putting together an amazing video that summarizes all the most interesting parts of my trip. It’s coming soon !!
On the fourth day, I asked if there was a shuttle service from the hotel to a ski slope in the neighbourhood. Thee was, so I was able to do some snowboarding, one of my passions, it was fun to do it in such a remote region.

Back at the hotel I began preparing for what was to be the last night at -20°/68F hoping to have some luck. The program was simple: I had decided to join a group of photographers led by two professionals, who would take us to some ideal locations that would have been perfect to shoot the photos.

Armed with camera and a tripod I headed to the meeting point where I got a ride from one of the photographers who, along the way, gave me a few pointers for the best settings of the camera and we also had an interesting talk about the differences between the Swedes from Stockholm, more Europeanized and less used to rigid winters and the Swedes from Kiruna, who seem to be stronger, more austere and less inclined to pleasantries. Must be the fact that they are isolated and away from the challenges of the big city.

Once we arrived at our destination we walked along a path that brought us to a frozen lake, there, our guide started to test the thickness of the ice (jumping on it!!) and making signs to follow him. Upon reaching the appropriate base he told us to relax and wait, and so two hours passed between tests and tripod adjustments but the sky still would not clear. Then coming as a sign from God, just as we were starting to dismantle everything, the wind started to blow and after I had waited anxiously for so long, my strip of green light arrived. After a multitude of photos and after admiring the starriest sky I had ever seen, we returned to the hotel happy with the gift which finally arrived during our last evening there.

But the gift had its price, a sleepless night. I returned to the hotel at 3 am aware of the fact that the plane (the only one within the next three days) that would bring me back home would leave at 6 am, so I had barely enough time to pack before leaving for the airport.
I returned home thanking Sweden, this country nestled in the snow that had given me such special moments, and the God of winds that at least on the last night of my stay, allowed me to reach my objective.

Stay tuned for the video.

Annunci

La Ricompensa del Freddo

Quando sono partito per la Svezia il mio obbiettivo era uno, e uno soltanto: assistere di persona alla magia dell’ Aurora Borealis e documentarla con la mia macchina fotografica. Nonostante abbia dovuto combattere contro tempeste di neve, binari congelati e la costante minaccia delle nuvole, alla fine, grazie alla pazienza, ho portato a casa un notevole risultato.

Abbiamo lasciato la mia avventura artica mentre davo il mio saluto a Stoccolma e mi imbarcavo su un aereo (di massimo 50 posti) per Kiruna, città principalmente famosa per la sua gigantesca miniera di ferro che non dorme mai.

Mi sono diretto 250 chilometri nel circolo polare artico perché in tutto il mondo Kiruna (in particolare Abisko e Bjorklinden) è considerato il miglior posto per l’osservazione del maestoso fenomeno naturale che volevo fotografare. Prima di tuffarci nella vera avventura, però, vorrei spendere due parole su questa cittadina così caratteristica.

Nata come città mineraria, oggi continua a ricevere la sua linfa vitale dall’ enorme miniera che si estende non solo dentro tutta la montagna che sovrasta la città ma anche sotto la città stessa a tal punto che è in corso un’ enorme operazione di spostamento degli edifici cittadini per rendere più accessibile il prezioso minerale nascosto nel sottosuolo. In città le attrazioni, bisogna ammetterlo, sono poche soprattutto durante il giorno; la sera, con 10 minuti di taxi e dopo un buon Hamburger di alce e una pinta di birra al “The Bishop’s Arms”, le avventure a disposizione aumentano notevolmente una volta raggiunto il Camp Ripam. Il più rinomato hotel/campeggio della città, possiede infatti un lungo percorso che ti porta nelle profondità della foresta dove le luci della città non arrivano e dove, in teoria, avresti un’ ottima visuale dell’aurora boreale ma la sera in cui ero lì, il signore dei venti e delle nubi aveva piani diversi quindi, nonostante la picevole passeggiata a -30° sono tornato a casa a mani vuote.

Il mattino seguente ho scoperto che quella era stata la notte più fredda negli ultimi 10 anni a Kiruna, cosa che può sembrare elettrizzante e molto soddisfacente dal punto di vista di un esploratore, ma che ha trasformato la giornata in un incubo. Il freddo, infatti, aveva bloccato ogni treno della regione e proprio con uno di quegli stessi treni avrei dovuto raggiungere Bjorklinden, il miglior posto in assoluto per assistere all’ aurora boreale . Come dice il proverbio, non tutti i mali vengono per nuocere: dopo una mattinata passata a fare telefonate abbiamo trovato una macchina che ci avrebbe portato a destinazione e durante il viaggio e lungo la strada ho avvistato un gruppo di renne che stava per attraversare la strada, così ho gridato all’autista di fermarsi e sono corso giù per fare qualche fotografia. Dopo qualche momento di esitazione in cui tutte le renne mi hanno fissato simultaneamente e in cui io ho provato un istinto primordiale alla fuga, loro hanno ripreso la loro traversata e io ho potuto continuare a fotografarle senza pericoli.

Arrivati a Bjorklinden sono sceso nell’unico hotel della piccola cittadina che però, nonostante le ridotte dimensioni, aveva un ristorante strepitoso accompagnato da una vista incredibile di un lago ghiacciato essendo sulla cima di una collinetta alle cui pendici si trova la cittadina. Quella sera la mia destinazione era l’Aurora Sky Station, una piccola baita a cui si accede tramite un viaggio di mezz’ ora su una seggiovia sospesi su uno strapiombo a -20°. Una volta in cima ho fatto un po’ di conoscenza con altri impavidi fotografi che avevano scelto di sfidare il freddo insieme a me e, se mi sta leggendo, vorrei fare un saluto speciale al mio amico Rommel : spero che gli arrivi fino alle Filippine ! Nonostante la bellissima compagnia anche quella sera le nuvole hanno giocato a mio sfavore quindi niente aurora nemmeno al tentativo numero 2.

La sera del tentativo numero 3 è stata la più emozionante dell’intera vacanza perché, appena calato il sole, mi sono unito ad una “carovana” di motoslitte organizzata dell’ hotel e diretta nella foresta, di nuovo per trovare un punto abbastanza buio da avvistare la preda tanto ambita.

Pilotare una motoslitta è stato incredibile e con un poco di impegno sono riuscito anche ad attaccare la mia telecamera al manubrio, quindi un incredibile video che riassume tutte le parti più avventurose del mio viaggio è in produzione e arriverà presto!!

Il quarto giorno, spinto dalla curiosità ho chiesto se c’era un servizio navetta per una pista da sci nei paraggi, e così ho potuto una delle mie passioni, lo snowboarding, in quella regione cosi’ remota.

Tornato in hotel ho iniziato i preparativi per quella che doveva essere l’ultima notte a -20° sperando di avvistare qualcosa. Il programma era semplice: avevo deciso di unirmi ad un gruppo di fotografi guidato da due professionisti che ci avrebbe portato in alcune locations ideali per cercare di portare a casa le migliori foto possibili.

Armato di macchina e cavalletto mi sono diretto al punto di incontro dove sono salito in macchina con uno dei fotografi che lungo la strada mi ha dato alcune dritte per l’ impostazione della macchina fotografica e mi ha fatto un interessante discorso sulle differenze fra gli svedesi di Stoccolma, più europeizzati e meno temprati dall’inverno e dal freddo, e gli Svedesi di Kiruna, più forti ed austeri e poco inclini ai convenevoli. Una volta arrivati a destinazione ci siamo incamminati lungo un sentiero che ci ha portati ad un lago ghiacciato dove la nostra guida ha iniziato a testare lo spessore del ghiaccio (saltandoci sopra !!) e facendoci segno di seguirlo. Una volta raggiunta la posizione perfetta ci ha detto di aspettare, e così tra prove e aggiustamenti del cavalletto passano 2 ore in cui il cielo stentava ad aprirsi, ma, quasi come un segno divino, proprio mentre stavamo iniziando a smontare si è alzato il vento e dopo trepidanti attese ho avuto la mia strisciolina di luce verde da poter ammirare . Dopo una moltitudine di foto e dopo aver ammirato il cielo più stellato che avessi mai visto, siamo ritornati in hotel contenti del regalo avuto proprio la nostra ultima sera.

Il regalo però è costato una notte insonne: sono tornato all’albergo alle 3 del mattino consapevole del fatto che l’aereo ( l’unico nell’arco di 3 giorni) che mi avrebbe riportato a casa partiva alle 6, quindi ho avuto a stento il tempo di fare la valigia prima di ripartire per l’aeroporto.

Sono così tornato a casa ringraziando la Svezia, questa nazione immersa nella neve che mi aveva regalato dei momenti così speciali, e il dio dei venti che almeno l’ultima sera mi ha permesso di essere pienamente soddisfatto del mio viaggio.