Music, Streets and Pokemons

Actioncultures is not only travel or photos but also music.

Music is the other great muse who inspires my days, and if you’ve made a tour on the Instagram account of this blog (@actioncultures)you will discover my boundless passion for street music. It is always on the road that I find my musical soul, through all those artists who offer their work in direct contact with those willing to listen. The street, however, is the center,  as I write, of what can be called a new revolution: augmented reality and the new Pokemon game have taken to the streets more people than could any other big social event. This new game that’s capturing the whole world and forces players to explore their  city on foot in an attempt to “catch them all”, brings the most hardcore gamer and those who are not fans of the “outside world” into the sun light. I find myself fully involved in this revolution as a fan of the game but especially as the urban explorer that I am.

In Milan, Italy while I wandered not only looking for Pokemons (yes I have fallen into the trap) but also for new street artists, I noticed how the key places of the game coincided with some of the locations where street artists were performing. This combination of factors made me come to a conclusion: In fact  I can see a new horizon for street music.
Just think, if it were possible to combine the beauty of an urban setting of a city like Milan, the emotions given by street artists of different abstractions and the fun of a game like this Pokemon game, think of the tremendous power of aggregation it can create, as well as new opportunities of meeting new people, of creating a new form of entertainment and definitely, a if one is willing,  more cultural enrichment.

Walking through the streets of downtown I have already witnessed an embryonic form of this new form of entertainment and socialization: I, along with other guys who were trying to get Pokemon gyms, were captured by the music of a singer-songwriter and stopped to listen to him. His music really struck me, I stopped longer to photograph him and listened more carefully to his lyrics. Once his exhibition was completed  I decided to get to know him a little, his name  is Claudio Niniano and, as it is my custom when I like an artist, I bought his CD.

Getting to know him  made me realize how much unheard  musical potential one can find in the streets of every city and perhaps, this new way of dealing with the world around us while we play, can make it easier for us hear it.

If you want to be taken by the same notes that struck me go to www.claudioniniano.com to find Claudio’s work and history.

The street music always tells a story and could lay the roots for what can become a great artists of the future,  listen to it  wherever you are, and support it always!

La musica, la Strada e Pokemon Go.

Actioncultures non è solo viaggi ma anche musica.

L’altra grande musa che ispira le mie giornate è proprio la musica, e se vi siete fatti un giro sull’account instagram di questo blog (@actioncultures) conoscerete anche la mia sconfinata passione per la musica di strada. È proprio sulla strada infatti che io ritrovo la mia anima musicale, attraverso tutti quegli artisti che propongono il loro lavoro direttamente a contatto con chi ascolta. La strada però è testimone, mentre scrivo, di quella che si può definire una rivoluzione: realtà aumentata e il nuovo gioco dei Pokemon hanno portato in strada più persone di quante potrebbe fare qualsiasi altro grande evento sociale. Questo nuovo gioco che ti costringe ad esplorare la tua città a piedi nel tentativo di catturarli tutti, riporta i giocatori più incalliti e tutti coloro che non sono fan del “mondo esterno“ alla luce del sole. Io mi ritrovo pienamente coinvolto in questa rivoluzione in quanto fan del gioco ma soprattutto in quanto esploratore urbano.

Proprio a Milano mentre girovagavo non solo a caccia di nuovi artisti di strada ma anche di Pokemon, ho notato come i punti chiave del gioco coincidessero con alcune delle posizioni in cui gli artisti di strada si stavano esibendo. Questa combinazione di fattori mi ha fatto giungere ad una conclusione: di fatto a questo punto io intravedo per la musica di strada un nuovo orizzonte. Se si riuscisse a combinare la bellezza di uno scenario urbano come Milano, l’emozione che ti danno gli artisti di strada delle più diverse astrazioni e il divertimento che un gioco come questo dei Pokemon può dare, unito al suo enorme potere di aggregazione, si potrebbe creare una forma tutta nuova di incontro, di divertimento e di arricchimento culturale.

Passeggiando per le vie del centro ho già assistito ad una forma embrionale di questa nuova forma di intrattenimento e socializzazione: io insieme ad altri ragazzi intenti a battere una palestra Pokemon, siamo stati rapiti dalla musica di un cantautore e ci siamo fermati ad ascoltarlo. La sua musica mi ha veramente colpito, mi sono fermato a fotografarlo, ascoltandolo con più attenzione e facendomi prendere dalle parole dei suoi testi. Una volta terminata l’esibizione ho deciso di conoscerlo più a fondo, si chiama Claudio Niniano e, come mia consuetudine quando un artista mi calpisce, ho comprato il suo cd. Conoscerlo mi ha fatto capire quanto potenziale musicale inascoltato risiede proprio nelle strade di ogni città e forse,  questo nuovo modo di affrontare il mondo che ci circonda, può farlo arrivare nelle orecchie di tutti noi.

Se volete lasciarvi trascinare dalle stesse note che hanno colpito me fatevi un giro sul sito www.claudioniniano.com dove troverete il suo lavoro e la sua storia.

La musica di strada racconta sempre una storia e potrebbe gettare le radici per quelli che saranno i grandi artisti del futuro, andatela a scoprire ovunque vi troviate e supportatela sempre !

The Iron Courtain Doesn’t Fall in the Suburbs.

Hello dear travelers, I have not given you any news lately, this was due to a tiring summer session at the university. I had to study for  very fascinating but somewhat difficult exams. But I am done now and I am back.

Never the less, I have had the opportunity to make some quick trips not too far from home. One of the most surreal  experiences I had,  was my “day trip” in what seemed to be a suburb of a in Soviet  metropolis, but was actually in the outskirts of Milan.

Near  Sesto San Giovanni, a town nearby Milan, one can find what probably was intended to be an incredible project of urban upgrading that must have gone awry  along the way.  What emerged at  the end  was an amazing environment which, in it’s peculiar way, can be really  attractive from the photographic, the anthropological and urban development points of view.

In this place, somewhat isolated, I was able to identify those distinctive traits that, not too long ago, belonged to two worlds that were at the opposite ends of the Hearth.  Here instead,  these different  characteristics  have been mixed and have created a hybrid representing  what was once the Soviet society and what is now the American one.

First of all, from the point of view of the landscape, vastness is what one notices  when he arrives  there for the first time.  The streets are not many  but they are able to carry an intense flow of traffic having 3 or 4 lanes in each direction.

The sidewalks, alongside hive-looking condo,s are almost all flanked by cycling tracks (deserted) and extend as far as the eye can see.

One  is not able to  count the many buildings found there, an incredible sequel  of identical buildings differentiated only by a number, that almost frightens the  visitor with their homogenizing power: identical homes for identical  people with identical passions and habits (if any).

Counting the living units (humans)  is much easier, many apartments are empty and many houses were abandoned to their fate and have become shelters for  homeless or drug addicts.

It’ s  in these houses that I started to see the similarities  between the US and the Soviet world. In these big buildings I saw the “plans for population control made by the Management Party”, while in the large urban abandonment I saw America after the year 2008. An America in which big plans were made  and one would easily bet on the growth of those same suburbs that today, with their degradation, are filling entire cities.

This amazing area, offers to the visitor, different environments that in addition to stimulating  the creativity of a photographer  would arouse the curiosity of an anthropologist.   In the midst of several abandoned buildings (including some new ones that are not inhabited) is in fact a shopping mall opened a few months ago. A final attempt to bring life and action to the area. Pleasant from the architectural point of view, it is the only center of attraction of the area and, just like in American Malls, 90% of those  you meet  is not there to make purchases but chooses the mall as a meeting place for socializing.

From skaters to the homeless,  the only place that looked populated was the mall, despite the fact that nearby there is what vaguely looks like a park, with a literary café and a children playground.

This hybrid that in some aspects, to me, includes  the cultures of both the US and the USSR, continues to grow not only by increasing the distances between places,  one needs a car to get anywhere, but it also shows the extreme manipulation of the area.

These large agglomeration of  houses do not follow the landscape, they burst,  perpendicular to the ground creating a sense of exaggeration in the use of a land already battered by the industry created by the past economic boom.

The anthropomorphism, then reaches its climax thanks to the many hundreds of trellis that carry kilometers and kilometers of cables around the landscape and are so invasive that a protest movement has been created by the people living there, but it remains ignored by the proper authorities  to this day.

My visit was short so I could not get to know the place from a human point of view, I did not have the chance to have  a chat with locals.  Street encounters were very rare but the few faces  I saw seemed to tell good stories.

For anyone wishing to embark on this venture just go in via Ugo Tognazzi on the southern outskirts of Milan and you might be able to enjoy the two  extremes of the Iron Curtain. And if you do, please write me about your impressions, I will be happy to discuss them with you.

Be back soon, stay tuned

Journey to Little Pripyat

Salve cari viaggiatori, la mia ultima assenza è stata particolarmente lunga a causa di una faticosa sessione estiva ricca di esami molto affascinanti ma alquanto difficili. Le avventure in questi 2 mesi non sono mancate e una delle più surreali è stata il mio “viaggio” in quello che aveva tutta l’aria di essere un sobborgo di una metropoli della Russia sovietica ma che in realtà era semplicemente la periferia di Milano.

Alle Spalle di Sesto San Giovanni si trova quello che probabilmente era un incredibile progetto di riqualifica che si deve essere arenato lungo la via. Quello che invece si è venuto a creare è un ambiente incredibile dal punto di vista fotografico, umano e paesaggistico.

In questo luogo sono riuscito a identificare quei tratti distintivi che appartenevano a due  mondi agli antipodi fino a “poco” tempo fa e che qui si sono mescolati creando un ibrido tra quella che era la società sovietica e quella che è la società americana.

Innanzitutto, dal punto di vista degli spazi la vastità è quello che colpisce chi per la prima volta posa gli occhi su questo quartiere, le vie sono poche ma sono predisposte ad un intenso flusso di persone essendo di 3 o 4 corsie per ogni carreggiata. I marciapiedi ai lati di queste file di condomini-alveare sono quasi tutti affiancati da una pista ciclabile (deserta) e si estendono a perdita d’occhio.

Le case non si riescono a contare, l’incredibile sequela di edifici identici l’uno dall’altro differenziati solo da un numero quasi spaventa il visitatore con il suo potere omologante: case identiche per persone identiche con identiche passioni ed identiche abitudini. Contare queste unità abitanti (gli umani) risulta molto più semplice, molti appartamenti sono vuoti e molte case sono state abbandonate a loro stesse diventando rifugi per senzatetto o tossicodipendenti.

In queste abitazioni ho iniziato a vedere l’unione tra il mondo Statunitense e quello Sovietico, in queste grandi palazzine ho visto “i piani del partito di gestione della popolazione”, mentre nel “grande abbandono urbano” ho visto l’America del dopo 2008, un America in cui si pensava in grande e in cui si scommetteva su quelle stesse periferie che oggi con il loro degrado stanno sommergendo intere metropoli.

Questo incredibile quartiere offre diversi ambienti degni di nota da parte della creatività del fotografo e della curiosità dell’antropologo. In mezzo a diversi edifici abbandonati (tra cui alcuni nuovissimi ma completamente disabitati) si trova infatti un centro commerciale inaugurato da pochi mesi, un ultimo tentativo di dare vita e movimento alla zona. Piacevole dal punto di vista architettonico è l’unico polo attrattivo della zona e, esattamente come nelle Mall americane, il 90% di chi si incontra non è li per fare acquisti ma sceglie il supermercato come punto di ritrovo per socializzare.

Dagli skaters ai senzatetto l’unico luogo che sembrava popolato era proprio il supermercato nonostante li vicino ci fosse quello che somigliava vagamente ad un parco, con un caffè letterario e numerosissimi giochi per bambini.

L’ibrido tra Usa e Urss continua a svilupparsi non solo nelle distanze, ogni cosa è talmente lontana da ogni altra che è necessario muoversi in auto, ma anche nel senso di estrema manipolazione del territorio che ti circonda. Queste grandi infilate di case non seguono il paesaggio, irrompono perpendicolari in mezzo ai terrapieni creando questo senso di esagerazione nello sfruttamento di un terreno già martoriato dall’industria del boom economico. L’antropomorfizzazione poi tocca il suo culmine grazie alle centinaia di tralicci che sii scorgono nei dintorno che portano chilometri e chilometri di cavi in giro per il paesaggio e sono tanto invasivi che ne è nato un movimento di protesta che rimane quotidianamente inascoltato.

La mia visita è stata breve quindi non ho potuto approfondire la conoscenza del posto dal punto di vista umano facendo duechiacchiere con un locale possibilmente non al supermercato. Per strada gli incontri sono molto rari ma i pochi volti che ho visto sembrano raccontare belle storie.

Per chiunque volesse imbarcarsi in quest’impresa basta andare in via Ugo Tognazzi alla periferia sud della grande Milano e forse potrete assaporare anche voi i due estremi della cortina di ferro.